Header della pagina
Corpo della pagina
Piano di sviluppo aeroportuale: la posizione del Pd di Elmas
 
Articolo esploso
Aeroporto_di_Cagliari_partenze (1)
di redazione.

Con questo appuntamento sul tema dello sviluppo aeroportuale, il Partito Democratico di Elmas vuole ancora una volta riportare l’attenzione di tutta la comunità locale, regionale e nazionale sui possibili scenari e, soprattutto, sulle conseguenze correlate al piano di sviluppo aeroportuale presentato dalla SOGAER, ente gestore dell’aeroporto di Elmas.

Approfondimenti e dibattiti sviluppati in occasione dei diversi incontri organizzati dal PD su questo tema, hanno consolidato e rafforzato la consapevolezza di noi Democratici di Elmas sull’importanza della qualità dell’ambiente e della sicurezza per la vivibilità nella nostra cittadina e al contempo sulla rilevanza strategica, in termini economici, sociali e di sviluppo, che assume l’aeroporto di Elmas per l’intera Regione.

Per tale motivo non ci riteniamo in contrapposizione concettuale verso lo sviluppo dello scalo aeroportuale. Allo stesso tempo, tuttavia, ci proponiamo come soggetto politico che opera nell’interesse principale di tutta la comunità masese e per la tutela della salute e della sicurezza dei suoi abitanti.

Alla luce di queste considerazioni, riteniamo che sia necessario per noi fare chiarezza sui principi che debbano stare alla base dello sviluppo dell’aeroporto e marcare ancora con più determinazione gli argomenti per noi insindacabili della discussione sullo sviluppo aeroportuale.

In via principale, teniamo a ribadire il concetto che sta alla base del nostro agire che possiamo riassumere con questa affermazione: ogni proposta di sviluppo che coinvolga la nostra comunità deve essere assunta con il suo pieno coinvolgimento.

 

Ciò detto, in riferimento al tema dello sviluppo aeroportuale, nella sua generalità, teniamo a ricordare che:

  • attualmente l’area aeroportuale occupa il 22% circa del territorio comunale di Elmas, creando problematiche ambientali notevoli e vincoli dovuti all’inquinamento atmosferico e acustico ed al sistema di sicurezza dei voli;
  • esistono differenziate disponibilità di spazi utilizzabili per il progetto di ampliamento dell’aeroporto all’interno dell’attuale sedime aeroportuale e nelle aree confinanti a sud-est (aree militari);
  • ogni ipotesi di modifica strutturale, ampliamento e sviluppo dell’aeroporto debba prevedere il rispetto della normativa in tema di valutazione dell’impatto ambientale di sicurezza per i cittadini;
  • indipendentemente dalla localizzazione degli ampliamenti in programma, l’ente gestore debba farsi immediatamente e prioritariamente carico della realizzazione degli interventi necessari per ridurre al minimo gli effetti dell’inquinamento acustico e ambientale e i rischi per la sicurezza dei cittadini, destinando allo scopo risorse economiche adeguate così come prevede il dettato legislativo.

 

Considerata poi, nello specifico, la proposta di sviluppo aeroportuale presentata dalla Sogaer e respinta dal Consiglio Comunale riteniamo, in sintesi, che:

  • questo progetto ha un forte impatto negativo sull’ambiente, sulla viabilità, sull’economia e sullo sviluppo del nostro territorio e, in particolare, sulla qualità della vita nella nostra cittadina;
  • lo sviluppo dell’aeroporto di Elmas debba essere contenuto entro l’attuale sedime aeroportuale, utilizzando a pieno nell’immediato tutte le aree in concessione, comprese quelle ubicate oltre le piste, già in disponibilità dell’ente gestore e, in futuro, le strutture militari (base aeronautica), secondo il piano di dismissione approvato dalle istituzioni competenti;
  • l’area di Santa Caterina rappresenta per tutta la comunità un sito da valorizzare per le risorse ambientali, storiche e archeologiche presenti;
  • anche un possibile ampliamento dell’aeroporto verso le aree confinanti a sud-est dell’attuale sedime aeroportuale sia penalizzante per la vivibilità e lo sviluppo della nostra cittadina in quanto, data la dimensione e i vincoli già esistenti sul territorio comunale, ridurrebbe ulteriormente le aree da destinare a verde e a usi produttivi.

 

 

Partecipa